Cos’è l’EMDR ?

L’EMDR, acronimo di Eye Movement Desensitization and Reprocessing (trad. italiana: Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i Movimenti oculari), è un approccio complesso ma ben strutturato che può essere integrato nei programmi terapeutici aumentandone l’efficacia. 

E’ usato fondamentalmente per accedere, neutralizzare e portare a una risoluzione adattiva i ricordi di esperienze traumatiche o altamente stressanti che stanno alla base dei disturbi psicologici attuali del paziente.

 Queste esperienze traumatiche o disturbanti possono consistere in:

  • piccoli/grandi traumi subiti nell’età dello sviluppo (infanzia e adolescenza);
  • eventi di vita stressanti (es. lutto, malattia cronica, perdite finanziarie, infedeltà e delusioni amorose, separazione coniugale, aborto, licenziamento, insuccessi scolastici o lavorativi, cambiamenti importanti);
  • eventi stressanti al di fuori dell’esperienza umana consueta quali calamità naturali (terremoti, inondazioni) o disastri provocati dall’uomo (incidenti gravi, furti o rapine, violenza fisica e/o sessuale, torture).

Spesso chi ha provato questo genere di esperienze sente che esse influenzano emotivamente la propria vita attuale al di là di tutti i possibili ragionamenti.

L’EMDR risulta particolarmente efficace nel modificare l’intensità e la qualità delle emozioni connesse con questi ricordi in modo che esse risultino più adeguate per il soggetto e non siano più causa di malessere.

L’EMDR viene usato anche per ridurre l’ansia da prestazioni e per aumentare lafunzionalità delle persone sul lavoro, nello sport e nello spettacolo.

Si tratta di un metodo complesso che fonda le sue basi su elementi teorici propri della scuola psicodinamica, di quella cognitivo–comportamentale e della terapia centrata sul cliente (Carl Rogers).

A volte l’EMDR viene confuso con l’ipnosi da cui però si differenzia nettamente perché il soggetto viene semplicemente posto nelle condizioni di seguire il proprio naturale flusso associativo di pensieri, immagini, emozioni e sensazioni (che in precedenza rimaneva bloccato) senza subire alcuna suggestione esterna. Nell’EMDR il paziente assume quindi sempre un ruolo estremamente attivo ed è in grado di interrompere il trattamento in qualsiasi momento qualora lo desideri.

L’EMDR viene utilizzato sempre in integrazione con la psicoterapia e rappresenta un utile strumento in più a disposizione del terapeuta.

In alcuni percorsi di psicoterapia può costituire una risorsa particolarmente preziosa, in altri percorsi può essere preferibile utilizzare una metodologia differente: tutto dipende dalla situazione specifica e dal percorso che psicoterapeuta e paziente decidono insieme di seguire per giungere all’obiettivo desiderato.

Anche l’EMDR, come ogni altra tecnica di psicoterapia, è essenziale sia applicata da un psicologo psicoterapeuta, esperto e qualificato.

Per avere informazioni sui terapeuti qualificati all’esercizio dell’EMDR nella vostra zona, potete consultare: l’elenco Terapeuti EMDR sul sito ufficiale dell’Associazione per l’EMDR in Italia oppure contattare direttamente l’associazione al seguente indirizzo: Via Paganini, 50 20030 Bovisio Masciago (MI), Tel/fax: 0362/55 88 79 email: emdritalia@emdritalia.it